Scuola Biennale di Ottica

Il corso, istituito con Regio Decreto del 31 Maggio 1928 n. 1334, ha lo scopo di fornire ai partecipanti le basi necessarie a svolgere con competenza la professione di ottico: fornire e approntare ausili ottici su prescrizione medica, misurare e compensare i difetti visivi utilizzando strumentazione oftalmica di avanguardia, oltre a prepararlo per affrontare successivi corsi di specializzazione. Ai sensi delle D.M. 28 Ottobre 1992 e art. 140 del T.U. delle leggi sanitarie il corso si conclude con un esame finale ed il rilascio dell’Attestato di abilitazione all’esercizio dell’arte ausiliaria sanitaria di ottico. Sbocchi occupazionali: dipendente o consulente presso una attività commerciale; apertura in proprio di un negozio di ottica, dipendente di aziende del settore e/o in laboratori di montaggio sistemi ottici; prosecuzione in corsi di specializzazione in optometria e contattologia.

MATERIE DEL CORSO: Ottica e Laboratorio – Anatomia generale ed oculare – Fisiopatologia oculare e laboratorio misure oftalmiche – Fisica, complementi di chimica e informatica – Esercitazioni di Optometria – Esercitazione di contattologia – Esercitazioni lenti oftalmiche - Elementi di diritto, economia, pratica commerciale e legislazione sociale – Lingua straniera – Moduli trasversali – Stage.

SERVIZI PER GLI STUDENTI materiale didattico, tutor, sale studio, biblioteca.

STUDENTI LAVORATORI:  in considerazione delle esperienze lavorative acquisite dai partecipanti, vengono riconosciuti crediti formativi (verificati da apposita commissione prima dell’inizio del corso) che portano ad una riduzione del monte orario delle rispettive materie.

 

L'ISTITUTO DI SCIENZE DELLA VISIONE PARTECIPA AL PROGETTO "VEDERE PER RICOMINCIARE"

 

 

 

COMUNICATO STAMPA FEDEROTTICA  Dopo i recenti terremoti che hanno tragicamente colpito il centro Italia, Federottica - Associazione federativa nazionale Ottici-Optometristi - per mezzo dell'Associazione provinciale di perugia, come segno tangibile di vicinanza alle popolazioni coinvolte, ha deciso di fornire gratuitamente un ausilio di emergenza per tutte le persone che hanno dovuto abbandonare in fretta le loro abitazioni. Costoro sono ospiti di molti alberghi e strutture ricettive vicine alle zone colpite e, qualora ne avessero necessità, possono far riferimento ai loro "referenti per l'emergenza" per convogliare le richieste ed ottenere quanto occorre, presentando una prescrizione nuova o riferita agli occhiali precedenti. A livello operativo, i Referenti sono fermamente invitati a controllare che i soggetti coinvolti siano effettivamente gli aventi diritto. Le richiestae saranno portate in giorni prestabiliti presso l'Istituto Enrico Fermi di Perugia dove allievi della Scuola di Ottica e Optometria, insieme ai docenti, provvederanno al montaggio e alla consegna degli occhiali. Per richieste di fornitura pervenute attraverso altri canali, si invitano gli interessati a rivolgersi ai Referenti autorizzati che devono essere segnalati in un apposito elenco indicando le zone di competenza. Siamo certi che comprenderete la serietà e le buone intenzioni del progetto e vi invitiamo ad una seria ed ampia collaborazione. ATTRAVERSO I REFERENTI REGIONALI NOMIATI, LE PERSONE CHE NECESSITANO DI OCCHIALI E LENTI DEVONO FARNE RICHIESTA INDICANDO:
  •  Nome e cognome, Comune di residenza e data di nascita
  •  Prescrizione oculistica o dati dell'ultimo occhiale in uso
  •  Indicare l'utilizzo dell'occhiale: per lettura, guidare, computer, ecc,,,, se non già indicati nella prescrizione
  •  Per le persone che lo desiderano è possibile ottenere una visita oculistica contattando la clinica oculistica di Perugia, referente Prof. Cagini
  •  L'Istituto nei giorni stabiliti con i referenti regionali è a disposizione per il montaggio e la consegna degli occchiali e per una eventuale analisi visiva.
  •  Si raccomanda di portare una fotocopia del documento di identità al momento del ritiruo degli occhiali.

Salva